Saltar al contenido

Quando un testo è scritto in terza persona?

mayo 2, 2022
Quando un testo è scritto in terza persona?

Scrivere in terza persona apa standard

Il testo espositivo è un documento in cui un concetto, un’idea o un fatto viene scritto o descritto in modo oggettivo, fornendo dati specifici che aiutano il lettore a situare e comprendere ciò che viene presentato. La sua funzione principale è comunicativa, poiché questo tipo di testo informa sull’argomento trattato per mezzo di un vocabolario formale e specifico. Vediamo più in dettaglio le caratteristiche principali di un testo espositivo:Tipi di testi espositiviLe caratteristiche di questi documenti dipendono anche dal tipo di testo espositivo che dobbiamo scrivere. A seconda del tipo di struttura del racconto, possiamo anche distinguere tra:Vale la pena ricordare che i testi espositivi differiscono dai testi argomentativi perché i primi non cercano di convincere, ma di dare dati esatti e oggettivi sull’area che stanno trattando. Se, per esempio, ti stai chiedendo come scrivere un testo espositivo argomentativo, dovrai prendere in considerazione un misto di caratteristiche di entrambi i tipi di testo; dovrai presentare dati specifici ma, questa volta, con l’obiettivo di convincere il lettore.

Esempio di testo in terza persona

Alcuni scrittori trovano l’uso del punto di vista in prima, seconda o terza persona un po’ confuso quando scrivono articoli di ricerca.  Poiché la seconda persona è evitata quando si scrive in articoli accademici o scientifici, l’uso della prima o della terza persona rimane una fonte di confusione.

Usando questi termini, presentiamo informazioni basate su ciò che “noi” troviamo.  Nella scienza e nella matematica, questo punto di vista è usato raramente.  È spesso considerato un po’ egoista e arrogante.  È importante ricordare che quando si scrivono i risultati della ricerca, il centro della comunicazione è la ricerca e non le persone che l’hanno condotta.  Quando si vuole persuadere il lettore, è meglio evitare i pronomi personali.  Oltre a sembrare un po’ arrogante, la forza delle tue scoperte potrebbe essere sottovalutata.

In questo esempio, l’intero significato della ricerca potrebbe essere mal interpretato.  I risultati discussi non sono quelli dell’autore ma sono generati dall’esperimento.  Fare riferimento ai risultati in questo contesto non è corretto e dovrebbe essere evitato.  Per renderla più appropriata, la frase precedente può essere rivista come segue:

Parole in terza persona

La scrittura in terza persona è la scrittura in cui l’azione dell’enunciato è eseguita da qualcuno diverso dallo scrittore o dal parlante. Questo significa che il narratore non è coinvolto negli eventi descritti.

Nella scrittura giornalistica, la terza persona fornisce l’imparzialità e l’obiettività che una notizia dovrebbe avere quando arriva al lettore. Anche i testi accademici usano questa forma, specialmente con pronomi personali che non sono in prima persona, o con affermazioni che non si riferiscono alla prima persona dell’autore/scrittore, come “l’oggetto di questa ricerca” o “per mezzo di questi dati si intende” o affermazioni simili che allontanano l’autore/scrittore dal testo.

Per l’uso corretto della scrittura in terza persona si dovrebbe rivedere l’uso corretto dei pronomi personali e ricordare che i pronomi di terza persona sono he/she per il singolare e they/them per il plurale.

“Quando Augusto apparve alla porta della sua casa, stese il braccio destro, con il palmo della mano verso il basso e aperto, e, dirigendo gli occhi al cielo, rimase per un momento in questo atteggiamento statuario e augusto. Non è che stava prendendo possesso del mondo esterno, ma che stava osservando la pioggia. E quando ricevette sul dorso della mano la freddezza del lento orvallo, si accigliò. E non è che gli desse fastidio la pioggerellina, ma il fatto di dover aprire l’ombrello; era così elegante, così sottile, ripiegato e nella sua custodia! Un ombrello chiuso è tanto elegante quanto un ombrello aperto è brutto.

Terza persona singolare

Questi due momenti dovrebbero completarsi a vicenda. Tuttavia, tutti gli insegnanti che sono stati coinvolti nel lavoro di tutoraggio e consulenza e quindi hanno dovuto sedere in commissioni di valutazione di tesi a qualsiasi livello sanno che a volte si vedono storie molto belle, ma raccontate molto male. Si possono vedere lavori in cui c’è evidenza di un duro lavoro di ricerca, risultati con un grande impatto e contributo alla scienza, ma la scrittura è così complicata e imperfetta che è difficile da capire, mentre la difesa è così eloquente che compensa la cattiva scrittura. Ne consegue che ci deve essere una corrispondenza tra il rigore scientifico dello scritto e la presentazione orale nella difesa del lavoro di ricerca.

Oltre ai requisiti metodologici, devono essere soddisfatte le esigenze indispensabili in termini di novità, attualità e originalità nel trattamento del tema, le sue basi scientifiche e le possibilità di introduzione nella pratica come contributo ai processi di cambiamento nelle realtà educative dei diversi paesi.

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad