Saltar al contenido

Quando sono nati i negozi online?

abril 9, 2022
Quando sono nati i negozi online?

I primi negozi online

Considerando che parliamo costantemente delle novità e dei miglioramenti che il marketing digitale e la tecnologia ci portano, pensiamo che sia un buon momento per dedicare un post a ciò che oggi ci sembra essenziale: Internet. Oggi parleremo della storia di Internet, partendo dal fatto che nacque, all’epoca, come un progetto militare per garantire le comunicazioni tra diverse parti degli Stati Uniti in caso di un grande attacco ma, fortunatamente, non fu mai utilizzato in questa situazione e oggi è uno strumento fondamentale per molti di noi che ha cambiato il nostro modo di agire, comunicare e lavorare.

Prima di tutto, contestualizziamo. Per iniziare la storia di Internet, torniamo al 1947 quando iniziò la Guerra Fredda, uno scontro iniziato alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Come sapete, era un conflitto causato dalla tensione tra il blocco capitalista occidentale guidato dagli Stati Uniti e il blocco comunista orientale guidato dall’Unione Sovietica.

Sfondo di un negozio online

Prima del coronavirus, fare affidamento su internet per i nostri acquisti non era così integrato nella nostra vita quotidiana. Un paio di decenni fa, lo shopping online era una novità, così come internet.

Aldrich ha collegato la televisione di Palla di Neve e l’ha trasformata in un computer. La donna ha poi generato una lista della spesa sul suo schermo televisivo e il suo ordine è stato comunicato per telefono al suo supermercato locale. Come per magia, i prodotti sono arrivati alla sua porta di casa.

L’invenzione non solo è stata salutata come un “nuovo equivalente commerciale di un centro commerciale nel cyberspazio”, ma ha anche prodotto la prima transazione digitale sicura: un album di Sting per 12,48 dollari.

Cronologia dell’e-commerce fino al 2020

1979 – Tutto iniziò quando Michael Aldrich “inventò” lo shopping online. L’uso del videotex, un servizio di messaggistica bidirezionale, ha rivoluzionato gli affari. Ora lo conosciamo come e-commerce.

1982 – Mintel, un servizio di videotex online accessibile tramite linee telefoniche, potrebbe essere usato per lo shopping online, prenotazioni di treni, controllo dei prezzi delle azioni, chat e ricerca di un elenco telefonico. È considerato il servizio online pre-WWW di maggior successo.

1987 – Viene fondata la SWREG. Questo ha offerto alle aziende l’opportunità di vendere prodotti online. Nella sua forma attuale, SWREG offre molte opzioni di pagamento, così come la personalizzazione e la distribuzione nei mercati internazionali. Gli utenti possono acquistare articoli nella loro valuta preferita utilizzando le principali carte di debito e di credito.

2007 – Uno studio di ricerca Pew Internet ha scoperto che l’81% degli americani intervistati ha cercato online un prodotto che intendeva acquistare, e il 15% lo faceva quasi ogni giorno. Il 66% degli utenti online ha detto di aver comprato qualcosa online.

Cronologia della storia del commercio elettronico

Dal catalogo dei prodotti ai negozi online di oggi, l’ecommerce si è evoluto per diventare un altro mezzo di vendita. Ha fornito un nuovo modo di distribuire e commercializzare i prodotti, e ha cambiato il modo in cui i consumatori fanno acquisti.

Il commercio elettronico ha una storia relativamente breve.    La storia del commercio elettronico è iniziata alla fine del XX secolo, negli Stati Uniti, quando alcune aziende iniziarono a svolgere attività di vendita basate su cataloghi di prodotti. L’idea era di consegnare cataloghi di prodotti attraenti a casa della gente, con foto attraenti e descrizioni di prodotti e prezzi. In questo modo, il consumatore poteva comprare direttamente da casa senza dover viaggiare e senza dover interagire con un venditore. Questo cambia il modo in cui i prodotti vengono venduti. Ora la vendita e la ricezione del prodotto si fanno da casa, senza bisogno di andare nei negozi o nei centri commerciali.

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad