Saltar al contenido

Quali sono le licenze Creative Commons?

febrero 11, 2022

Documenti con licenza Creative commons

Il Cile ha adottato questo sistema di licenze nel 2005, un’iniziativa promossa dal Sistema di Servizi di Informazione e Biblioteca (SISIB) dell’Università del Cile e dalla Digital Rights Corporation.

– Attribuzione (da): il materiale può essere distribuito, copiato ed esposto, ma le fonti del contenuto devono essere citate. L’autore deve essere accreditato.     – Non commerciale o NonCommercial (nc): Obbliga che l’uso dei contenuti non può avere alcun beneficio economico per coloro che fanno uso dei contenuti sotto questa licenza.     – No Derivative Works o NoDerivs (nd): L’opera può essere distribuita, copiata o esposta, ma non modificata, immutata, cioè non può essere usata per creare un’opera derivata dall’originale.     – ShareAlike (sa): impone che tutte le opere derivate siano sempre distribuite sotto la stessa licenza dell’opera originale.

Cosa sono le licenze Creative Commons e a cosa servono?

Le Creative Commons sono licenze di copyright, si basano sul diritto d’autore e servono a passare dalla posizione estrema di “Tutti i diritti riservati” a quella più flessibile di “Alcuni diritti riservati” o, in alcuni casi, “Nessun diritto riservato”.

Cos’è Creative Commons?

Le licenze CC0 sono quelle immagini Creative Commons senza diritti riservati; cioè, sono di dominio pubblico, quindi puoi: usarle per uso commerciale o personale. Copiare, modificare o distribuire senza permesso o attribuzione al proprietario.

Come usare le licenze Creative Commons?

Puoi fare uso di Creative Commons in due modi: dando in licenza il tuo contenuto e rendendolo disponibile ad altri, o usando materiali di terzi con accesso consentito per creare nuovi progetti.

Creative commons colombia

Attribuzione:  Questa licenza permette ad altri di distribuire, remixare, modificare e costruire sul tuo lavoro, anche per scopi commerciali, purché ti venga riconosciuta la paternità della creazione originale. Questa è la più utile delle licenze offerte. Si raccomanda la massima diffusione e l’uso dei materiali concessi in licenza.

Attribuzione – Non commerciale – Nessuna derivazione: Questa licenza è la più restrittiva delle sei licenze principali, permettendo solo ad altri di scaricare le opere e condividerle con altri, a condizione che la paternità sia riconosciuta, ma non possono essere modificate in alcun modo o utilizzate commercialmente.

Attribuzione – Non commerciale: Questa licenza permette agli altri di distribuire, remixare, modificare e costruire sul tuo lavoro in modo non commerciale e, anche se i loro nuovi lavori devono sempre menzionarti ed essere mantenuti non commerciali, non sono obbligati a concedere in licenza i loro lavori derivati alle stesse condizioni.

Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo: questa licenza permette ad altri di distribuire, remixare, modificare e costruire sul tuo lavoro in modo non commerciale, a condizione che ti diano il credito e licenzino le loro nuove creazioni negli stessi termini.

Quanti tipi di licenze Creative Commons?

distribuzione dell’opera e compressione dell’uso consentito secondo il tipo di licenza che l’autore sceglie. Ci sono sei tipi, che vanno dal meno al più restrittivo, identificati da una combinazione di simboli.

Chi può usare Creative Commons?

Le licenze Creative Commons (CC) sono uno strumento legale gratuito che permette agli utenti (licenziatari) di utilizzare opere protette da copyright senza chiedere il permesso all’autore dell’opera.

Come funzionano le licenze?

Il congedo medico è un documento che certifica che lei ha un problema di salute, e indica, tra le altre cose, il tipo di riposo che deve prendere (totale o parziale) e per quanto tempo deve riposare. Il congedo medico può essere rilasciato da un medico chirurgo, un dentista o un’ostetrica.

Creare una licenza creative commons

Come abbiamo visto, la legge riserva un periodo di tempo durante il quale tutti i diritti di sfruttamento di un’opera appartengono esclusivamente all’autore o al proprietario. Nel caso in cui si voglia utilizzare quell’opera protetta per usi che non si adattano alle eccezioni e limitazioni contemplate dalla legge, dobbiamo chiedere il permesso all’autore o al titolare di quei diritti.

Le licenze Creative Commons sono basate sulle leggi della proprietà intellettuale, quindi le opere licenziate con CC sono anche interessate dalle limitazioni ed eccezioni contemplate nella LPI.

Creative Commons è un’organizzazione no-profit dedicata a promuovere l’accesso e la condivisione della cultura. È stata fondata nel 2001 da Lawrence Lessig (ex professore di diritto dell’Università di Stanford e specialista in diritto informatico), Hal Abelson e Eric Eldred (Wikipedia).

Lo strumento più noto è il sistema di licenze aperte Creative Commons, ispirato alle licenze GPL (General Public License) della Free Software Foundation. Infatti, anche se le licenze CC possono essere usate con qualsiasi lavoro protetto da copyright, non è raccomandato usarle sul software, perché ci sono altre licenze più specifiche come la GPL.

Quanti tipi di licenze di copyright esistono attualmente?

Non esiste una licenza unica, ma sono possibili diverse combinazioni a discrezione dell’autore. In tutti loro è essenziale riconoscere la paternità dell’opera.

Quanti giorni sono pagati per 4 giorni di congedo?

Caso 1: Se il congedo ha 4 giorni, solo il quarto giorno sarà pagato. Caso 2: Se il congedo ha 11 giorni, l’intera assenza sarà pagata. Tuttavia, ci sono casi in cui l’azienda ha accordi diretti o benefici con i lavoratori.

Quanti giorni sono pagati per 10 giorni di congedo?

Se il congedo medico dura 11 giorni o più, sono pagati dal primo giorno. D’altra parte, se il congedo medico dura meno di 11 giorni, sono pagati dal quarto giorno.

Tipi di licenze creative commons

Per diffondere le idee di Creative Commons, abbiamo tradotto l’interessante articolo di Tom Merritt, direttore esecutivo di CNET.com “Does Creative Commons free your content?” pubblicato in questa prestigiosa rivista tecnologica americana.

Da Tom Merritt. Direttore esecutivo, CNET.com “Creative Commons è un’organizzazione che permette alle persone di pubblicare le loro opere creative sotto una licenza che consente una maggiore flessibilità rispetto al “tutti i diritti riservati” che è il default nella legge sul copyright.

Nel frattempo, 53 milioni di opere su Internet sono legate a una licenza Creative Commons. Molte persone stanno comprando il concetto. Ma è pericoloso, è rivoluzionario, è senza senso? Ecco un tentativo di capire cosa sia questa licenza follemente popolare e se serva a qualcosa.

Secondo il sito web della Stanford University, nella sua prospettiva più generale, l’uso equo rispetto a un lavoro protetto da copyright è “qualsiasi copia di materiale protetto da copyright fatta per uno scopo limitato, ‘trasformativo’, come commentare, criticare o parodiare un lavoro protetto da copyright”.

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad