Saltar al contenido

Quali sono i nuovi media?

abril 10, 2022
Quali sono i nuovi media?

Nuovi media per l’informazione e la comunicazione

FUNDACIÓN TELEFONICA rispetta la legislazione vigente in materia di protezione dei dati personali, la privacy degli utenti e la segretezza e la sicurezza dei dati personali, in particolare il Regolamento 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, adottando a tal fine le misure tecniche e organizzative necessarie per evitare la perdita, l’abuso, l’alterazione, l’accesso non autorizzato e il furto dei dati personali forniti, tenendo conto dello stato della tecnologia, della natura dei dati e dei rischi a cui sono esposti.

Diritti: Ritirare il loro consenso in qualsiasi momento, opporsi al trattamento, accedere, rettificare e cancellare i dati, così come altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.

FUNDACIÓN TELEFONICA rispetta la legislazione vigente in materia di protezione dei dati personali, la privacy degli utenti e la segretezza e la sicurezza dei dati personali, in particolare il Regolamento 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, adottando le misure tecniche e organizzative necessarie per evitare la perdita, l’abuso, l’alterazione, l’accesso non autorizzato e il furto dei dati personali forniti, tenendo conto dello stato della tecnologia, della natura dei dati e dei rischi a cui sono esposti.

Nuovi media 2020

Questo articolo è un approccio teorico alla caratterizzazione delle pubblicazioni elettroniche prodotte dai media tradizionali. Nella prima parte, il problema viene contestualizzato per visualizzare le nuove proposte comunicative che nascono dall’incorporazione delle NTI, e definizioni come cyberspazio, virtuale e digitale.

Nella seconda parte vediamo come la proposta di Freeman e Pérez (1987) sulla nascita di un nuovo paradigma tecno-economico ci aiuta a capire l’attuale gestione dei nuovi media.

Questo lavoro nasce dalla domanda: cosa succederà ai media tradizionali dopo l’incorporazione di tecnologie che apparentemente alterano la loro natura, o meglio, cosa sta succedendo? Attualmente, possiamo osservare che la partecipazione dei media alla dinamica delle reti telematiche ha permesso l’incorporazione di nuove tecnologie con le quali sono stati creati altri modi di presentare l’informazione quotidiana, in formati schermo e con l’uso di risorse multimediali; questo ha provocato un grande scalpore nel mondo del giornalismo e in termini di definizione della competitività tra le imprese di comunicazione tradizionali.

Nuovi media 2021

È da molto tempo che parliamo di nuove tecnologie e nuovi media. Tanto che l’aggettivo “nuovo” ha perso il suo significato. Anche così, forse non ci siamo fermati a riflettere attentamente sul perché ci riferiamo in questo modo alle tecnologie e ai media che usiamo oggi. Perché i nuovi media sono nuovi, per esempio?

Questa grande differenza tra i nuovi e i vecchi media serve a introdurne un’altra. Poiché i nuovi media sono programmabili, permettono di automatizzare molte operazioni di creazione, manipolazione e accesso. Pensiamo, in questo caso, ai gestori e agli editor di blog come WordPress o agli editor di video come YouTube. Non è necessario avere grandi conoscenze per utilizzare i nuovi media, perché gran parte del lavoro che nei vecchi media era fatto da tecnici specializzati è fatto dal software.

Ma quello che a prima vista sembra essere un vantaggio, per Manovich può anche essere interpretato come uno svantaggio. Egli avverte che il software limita il nostro processo creativo come esseri umani. Cioè, possiamo o sappiamo fare con il software ciò che il software ci permette di fare, o per quanto riguarda la nostra conoscenza. Ma la stragrande maggioranza di noi non sa come sviluppare un software che ci permetta di creare in modo diverso. La nostra creatività è limitata da ciò che il software ci permette di fare.

Usi dei nuovi media

Per una migliore comprensione dei problemi della democrazia, così come del ruolo dei media nel suo funzionamento, crediamo sia necessario incorporare nell’analisi una dimensione spesso ignorata o trattata in modo tangenziale: la cultura politica (Jorge, 2010).

Anche se sostenuta dalla comunicazione diretta e dal coinvolgimento attraverso le associazioni civili, la partecipazione politica e altre forme di capitale sociale, la democrazia in una complessa società moderna richiede la rappresentanza elettorale e la comunicazione attraverso i media.

I limiti di questo modello ideale nella realtà sono ben noti, derivanti da aspetti come la proprietà e il controllo dei media, le dinamiche di mercato, le pressioni del sistema politico e i fattori di potere, la particolare interazione tra politici e giornalisti, le norme e le abitudini della professione giornalistica, e le caratteristiche del pubblico, che tende a prestare solo un’attenzione tangenziale alle questioni politiche.

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad