Saltar al contenido

Cosa si intende per vendita al dettaglio?

abril 9, 2022
Cosa si intende per vendita al dettaglio?

Esempi di esempi

La moderna catena di approvvigionamento offre agli imprenditori molti modi per consegnare un prodotto nelle mani dei consumatori. La vendita all’ingrosso e la vendita al dettaglio sono due tipi di modelli di business per un business basato sul prodotto. Qui dettaglieremo ciascuno per conoscere la differenza tra vendita all’ingrosso e al dettaglio e identificare il modello più appropriato per ogni business.

Alcuni grossisti alla fine vendono ad altri grossisti. I grossisti possono trattare praticamente qualsiasi tipo di prodotto durevole o non durevole. I beni durevoli includono i mobili, mentre i non durevoli includono il cibo.

In un modello al dettaglio, i prodotti vengono acquistati da un distributore e venduti direttamente ai consumatori. I grandi magazzini come Macy’s o Gap sono esempi di rivenditori. Alcuni negozi al dettaglio vendono prodotti con il loro marchio.

– Il grossista vende ai dettaglianti. Un rivenditore mantiene un costoso spazio front-end per vendere al consumatore finale. In altre parole, un grossista compra all’ingrosso da un produttore per i dettaglianti, mentre il dettagliante compra da un grossista per i consumatori finali.

1

Quando si effettuano operazioni internazionali, sia di importazione che di esportazione, sorgono diversi tipi di dubbi, uno dei quali è come il commercio all’ingrosso e al dettaglio viene gestito a livello internazionale.

Per cominciare, definiremo ognuna di queste modalità commerciali, il commercio all’ingrosso è inteso come quelle persone fisiche o giuridiche che comprano dai fabbricanti in grandi quantità per poi rivendere i prodotti o articoli, e in questo modo ottenere un profitto. Dall’altra parte, troviamo il commercio al dettaglio, che è l’attività finale della catena di distribuzione, ed è la via principale per il consumatore finale.

Con questa situazione vediamo che non tutto è bianco e nero e che, anche se è solo menzionato a livello di vendita al dettaglio, la grande quantità di concorrenza che sia il grossista che il dettagliante hanno in tutto il mondo.

Al giorno d’oggi l’interconnettività ha permesso agli imprenditori e agli individui di accedere ai prodotti di tutto il mondo, sia all’ingrosso che al dettaglio, questa interconnettività ha portato a grandi piattaforme che hanno permesso di collegare diversi fornitori come acquirenti.

Esempi di grossisti e rivenditori

È facile capire quali sono i dettagli di un evento guardando un giornale. Quando trovi una storia in prima pagina, puoi leggere il titolo e qualche riga (“Messico in finale, la squadra di casa batte il Costa Rica 2-1”). Per scoprire i dettagli della notizia, sarà necessario cercare il suo sviluppo all’interno del giornale (“Con due gol di Juan Hernández, il Messico batte il Costa Rica 2-1 e raggiunge la finale della Coppa dell’Oceano. Il gol del Costa Rica è stato segnato da Julio Ochoa. La partita, giocata allo stadio Azteca, è stata molto equilibrata…”).

La creazione di un conto speciale per la gestione di ogni operazione effettuata con la merce è detta procedura dettagliata. Nel corso di questa procedura si devono aprire o creare i seguenti conti: inventario di apertura, spese di acquisto, sconti di acquisto, vendite, sconti di vendita, sconti di vendita, inventario di chiusura, acquisti, resi di acquisto, sconti di acquisto, sconti di acquisto, resi di vendita e sconti di vendita.

Negoziazione per conto proprio

2. a) Qualsiasi riferimento a un articolo in una voce comprende l’articolo anche se incompleto o non finito, purché presenti le caratteristiche essenziali dell’articolo completo o finito. Esso copre anche un articolo completo o finito, o considerato tale ai sensi delle disposizioni precedenti, quando è presentato in uno stato smontato o non montato;

(b) qualsiasi riferimento a un materiale in una voce comprende tale materiale anche se è mescolato o associato ad altri materiali. (b) qualsiasi riferimento ad articoli di un determinato materiale comprende articoli fatti interamente o parzialmente di tale materiale. La classificazione di tali articoli misti o compositi è conforme ai principi stabiliti nella regola 3.

(a) La voce con la descrizione più specifica ha la precedenza sulle voci di portata più generica. Tuttavia, se due o più voci si riferiscono ciascuna a una parte soltanto dei materiali che costituiscono un prodotto misto o un oggetto composito o a una parte soltanto degli oggetti nel caso di merci presentate in assortimenti condizionati per la vendita al minuto, tali voci sono considerate ugualmente specifiche per tale prodotto od oggetto, anche se una di esse lo descrive in modo più preciso o completo;

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad