Saltar al contenido

Come motivare i collaboratori in Smart Working?

abril 9, 2022
Come motivare i collaboratori in Smart Working?

Vantaggi e svantaggi dello smart working

In generale, i lavoratori passano sempre più ore in ufficio e hanno sempre più ruoli da assumere. Lo psicologo è del parere che l’orario di lavoro non dovrebbe essere così lungo. Siamo molto abituati a lavorare più ore del necessario, ed è molto probabile che non succeda nulla. Lavorare più ore non ti fa rendere meglio.

Un altro fattore chiave è che il leader generi un’atmosfera di fiducia basata sulla motivazione e renda chiare le funzioni di ogni dipendente. L’organizzazione deve verificare che le richieste fatte ai lavoratori siano compatibili con le risorse e deve favorire lo sviluppo della carriera professionale di ciascuno. Ecco perché è necessario implementare nuove tecnologie di gestione del personale nelle aziende, come l’app Working Day Suite. Grazie al software sviluppato da Internalia Group, il tempo di lavoro si accorcia perché tutte le informazioni, come prendere un ordine da un cliente o riparare una macchina, sono riportate in tempo reale all’ufficio.

Esempi di lavoro intelligente

“Quindi ci sono molte iniziative che noi team leader facciamo per far divertire le persone, dalle attività, escape room e cose del genere, agli happy hour che ora facciamo anche virtualmente, tutti a casa con il loro caffè o birra – non deve essere una bevanda alcolica – in modo che le persone si sentano incluse e abbiano quel senso di squadra che è così importante per questo”.

Per Miguel Ortega, gli obiettivi professionali di ogni dipendente sono importanti, ma anche i valori dell’azienda giocano un ruolo fondamentale. Ed è orgoglioso di averli potuti coltivare nei suoi progetti fin dall’inizio.

“Penso che da un lato devi essere felice perché stai raggiungendo i tuoi obiettivi di carriera, lavorando in qualcosa che ti piace e così via, e dall’altro lato devi essere felice con la cultura della tua squadra”, dice.

“Da qui la cultura delle aziende, che è qualcosa da cui, tra l’altro, ho anche imparato molto alla Blink, perché ci siamo concentrati sull’avere una cultura leggermente americanizzata, e siamo riusciti ad avere un gruppo fantastico, dove ci si divertiva molto, tutti quelli che lavoravano lì lavoravano molto duramente… ma questa è stata anche una delle ricette del nostro successo, ottenere che il team fosse super-motivato”.

Cos’è lo smart working, quali sono le sue caratteristiche e i suoi vantaggi?

La vita è un viaggio continuo di alti e bassi. Non solo per la pandemia causata dal coronavirus, ma anche per la monotonia e i problemi della vita quotidiana. Sul lavoro, questi si manifestano sotto forma di demotivazione e quindi minore produttività, scarsa empatia e difficoltà di comunicazione.

La motivazione dopo il coronavirus è la chiave della nuova normalità. Dopo aver vissuto una situazione anomala, è più che mai necessario mantenere i vostri lavoratori motivati per raggiungere i livelli di produttività che raggiungevano prima dell’allarme sanitario.

I lavoratori sono tornati lentamente al loro lavoro, ma molti di loro hanno paura a causa dell’incertezza. La cosa migliore da fare è attivarli il prima possibile con un’iniezione di motivazione. E per questo, si possono applicare strumenti di motivazione basati su:

Non possiamo dimenticare l’adozione di nuovi strumenti di lavoro, che ha significato la trasformazione digitale di alcuni di essi. Altri sono stati costretti a implementare gli ERTE. E nel peggiore dei casi, sono stati costretti a chiudere le loro attività. Di fronte a questo scenario, la cosa migliore da fare, oltre ad applicare misure basate sulla distanza sociale, l’uso di maschere e gel idroalcolico, è mantenere la motivazione nei vostri team di lavoro:

Smart working: cos’è

Sanno che non ha senso avere impiegati demotivati che fanno il loro lavoro automaticamente. Impiegati che contano i minuti fino alla fine della loro giornata di lavoro e il fine settimana arriva finalmente.

Lo smart working è una metodologia di lavoro che ha le sue origini nel telelavoro, ma che fa un passo avanti attraverso l’applicazione delle TIC (tecnologie dell’informazione e della comunicazione).

Come abbiamo detto, oggi è possibile farlo grazie all’uso delle nuove tecnologie. Grazie all’uso di strumenti e piattaforme che permettono ai lavoratori di lavorare da qualsiasi luogo e in modo flessibile.

Pertanto, i lavoratori a cui si applica questo tipo di telelavoro non devono recarsi in un luogo di lavoro tradizionale. Possono svolgere i loro compiti da qualsiasi luogo essi scelgano.

Come abbiamo detto all’inizio di questo post, lo smart working si basa sulla delocalizzazione. In altre parole, i dipendenti possono lavorare da dove vogliono, purché abbiano una buona connessione internet.

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad