Saltar al contenido

Come funziona un mercato dell’usato?

abril 10, 2022
Come funziona un mercato dell’usato?

Mercato dell’usato online

Basta guardare una piattaforma come Vestiaire Collective per vedere che tutti i beni di lusso stanno beneficiando del boom dell’usato. Le piattaforme specializzate in una particolare categoria (gli orologi, per esempio) sono ancora forti e presenti, ma sono ora in competizione con giocatori più mainstream.

L’arrivo di eBay nel mondo delle vendite online ha cambiato la situazione, e ha progressivamente incoraggiato sia gli acquirenti che i venditori a interessarsi a oggetti che prima non avevano presenza nel mercato dell’usato: i beni di lusso. All’inizio del 21° secolo, le offerte online erano organizzate intorno a verticali specifici. Chrono24 è stato lanciato nel 2003, per esempio, e ancora oggi domina il mercato, il che non significa che gli orologi di lusso non siano stati rivenduti prima del suo lancio. Ci sono sempre stati specialisti con negozi fisici.

Brands ha identificato da tempo il mercato del lusso pre-posseduto come un driver di crescita, qualcosa che è evidente nell’acquisto del 2018 di Watchfinder, lo specialista britannico di orologi pre-posseduti di fascia alta. Al di là di questo esempio, vedere i propri prodotti comprati e venduti sul mercato dell’usato rappresenta una vera opportunità per trovare nuovi clienti e fidelizzare quelli vecchi.

Perché comprare vestiti di seconda mano

Seconda possibilità! Scopri gli 8 mercati dell’usato più emblematici di BarcellonaLa necessità di un cambiamento verso modelli di consumo responsabile sta diventando imperativa. Un primo passo che puoi fare è incorporare la regola delle 3R nel tuo consumo quotidiano: Ridurre, evitando gli acquisti che non sono veramente necessari, Riutilizzare e Riciclare. Questo include condividere l’uso degli oggetti con altre persone, dare il miglior smaltimento possibile alle cose che non si usano più, e se si ha davvero bisogno di comprare, usare i meccanismi del commercio equo e solidale, dell’economia alternativa e solidale e del consumo collaborativo.

Comprare vestiti di seconda mano aiuta l’ambiente

Da qualche tempo, soprattutto con lo scoppio della crisi economica, il mercato dell’usato ha cominciato a diventare un’opzione per tutti coloro che avevano bisogno di comprare qualcosa e, soprattutto, per coloro che volevano liberarsi di oggetti o beni inutilizzati e, in più, guadagnare qualche entrata extra.

Ma ben presto si diffuse a tutti i tipi di indumenti, al di là dell’abbigliamento di marca. Al giorno d’oggi ci sono siti web dove si possono vendere vestiti normali, quelli che la maggior parte di noi indossa. E certamente funzionano, visto che c’è un grande mercato che compra e vende. Micolet, Chicfy e il nuovo Vinted dimostrano che la gente compra vestiti di seconda mano, il che significa che altri fanno soldi sbarazzandosi di vestiti che non servono.

Va notato che la vendita di vestiti su queste piattaforme non è un business in sé. Ovviamente, non è un lavoro, né stiamo andando a diventare ricchi da esso, ma possiamo ottenere qualche reddito extra che ci tornerà utile alla fine del mese.

Indossare abiti di seconda mano

Un prodotto di seconda mano non deve necessariamente essere in cattive condizioni, al contrario: può anche essere non indossato, ma poiché una persona lo ha comprato, non può più essere etichettato come “nuovo”, e come vedremo più avanti, un oggetto del genere può portare più vantaggi che svantaggi, sia quando si tratta di comprare che di vendere.

Sono totalmente d’accordo, se compriamo e vendiamo cose di seconda mano contribuiamo tutti a migliorare l’ambiente e in più si può trovare proprio quello che si cerca a prezzi super interessanti!

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad