Saltar al contenido

Che cosa è la felicità per me?

abril 11, 2022
Che cosa è la felicità per me?

Cos’è la felicità per Aristotele?

Definire il termine felicità può essere complicato, poiché tutte le persone possono essere felici per motivi diversi; quindi potremmo dire che essere felici è uno stato di benessere, non importa da dove viene.

Ma cosa succede quando godiamo del benessere e tuttavia non siamo felici.    Mi sono chiesto molte volte, se ho così tante persone e situazioni nella mia vita per essere felice, perché a volte mi sento infelice? Sentite che quello che avete non è abbastanza e che avete bisogno di più.

Penso che essere felice non può basarsi solo su quello che vuoi e su quello di cui hai bisogno, ma piuttosto su quello che hai nel tuo presente, perché come dico sempre: se non sei felice con quello che hai nel tuo presente, cosa ti fa pensare che sarai felice con quello che hai nel tuo futuro?    Ricorda che tutto arriva a tempo debito, persone e beni materiali, ma nel frattempo goditi quello che hai già.

Chiarisco che questo è il mio punto di vista personale, che do dalla mia esperienza di vita e dalla mia professione di psicologo; basato sui casi clinici che ho avuto con questo motivo di consultazione, la “felicità”.

Cos’è la felicità per me esempi

Questo articolo mira a spiegare ciò che la psicologia ha da dire su queste due domande: cos’è la felicità e cosa fare per essere felici. La psicologia clinica si è concentrata sull’alleviare la sofferenza psicologica, ma oggi queste questioni sono state affrontate dalla psicologia positiva e anche dalla terapia di accettazione e impegno. A partire da essi, si pone la questione di cosa sia la felicità e cosa possiamo fare per essere felici.

La psicologia clinica spesso si ferma al punto di alleviare la sofferenza del paziente, senza preoccuparsi di renderlo felice. Per questo è conveniente che ci chiediamo cosa sia la felicità e cosa possiamo fare per essere felici, per tendere ad essa in una visione più completa di ciò che la psicologia clinica può contribuire alla nostra vita.

La felicità è un concetto scivoloso, non esiste una definizione chiara di essa, attualmente il concetto di felicità è più una teoria che un libro di ricette su come raggiungerla (Hefferon e Boniwell, 2011). La psicologia positiva ha diviso il problema di studiare la felicità in concetti più semplici e accessibili, come il benessere o la qualità della vita e, tra le altre cose, si è concentrata sull’indagine delle emozioni positive, che logicamente devono essere collegate alla felicità. Così Seligman (2002) nel suo libro Authentic Happiness si riferisce alla vita piacevole, che è una vita che massimizza le emozioni positive e minimizza il dolore e le emozioni negative, come parte della felicità.

Caratteristiche della felicità

Facendo ricerche per conto mio, ho trovato altri filosofi con valide concezioni della felicità, come Epicuro, autore della felicità edonistica. Questo filosofo greco, che aveva grandi contraddizioni con i metafisici, non credeva che la felicità venisse solo dal mondo spirituale, ma aveva anche a che fare con dimensioni più terrene. Ha postulato il principio che sono l’equilibrio e la temperanza a dare la felicità.  Questo approccio è stato incarnato in una delle sue grandi massime: “Niente è abbastanza per coloro per i quali abbastanza è troppo poco”. Insisteva anche sull’idea che non si dovrebbe lavorare per ottenere beni, ma per l’amore di ciò che si fa.

Un’altra raccomandazione che ci ha dato è stata quella di imparare a pianificare in anticipo. “Oggi è meglio investire nella pianificazione che iniziare un lavoro senza avere le idee chiare; e i risultati dimostreranno che l’investimento in tempo di pianificazione porterà un grande ritorno. Nella pianificazione dobbiamo essere bravi; ma PERFETTI nell’attuazione o ESECUZIONE.

Cos’è la felicità per me a livello cerebrale

Cos’è la felicità, cosa ci rende felici, per cosa vogliamo essere felici, sono domande soggettive, personali, a volte senza risposta. Mangiare ciò che ci piace, crescere i figli, avere una famiglia, relazionarsi in modo positivo con le persone che ci circondano, sono solo alcuni dei tanti elementi che contribuiscono a raggiungere quel piacevole stato di soddisfazione.

La felicità, ha spiegato Hugo Sanchez, è la sensazione di credere e avere speranza per il futuro, che “le cose” andranno bene, di sentirsi ottimisti e in una situazione in cui le relazioni sembrano andare bene.

Il problema sorge quando crediamo che la felicità debba permeare tutta la nostra vita, perché dobbiamo passare attraverso ogni emozione che esiste: tristezza, rabbia, ansia, paura, ecc; “che ci permette di avere un corretto adattamento all’ambiente”.

Anche se è una sensazione di benessere molto intensa, la felicità allontana la nostra attenzione dall’ambiente e minimizziamo gli errori che possono essere importanti. “È uno stato desiderato, ma con poca considerazione degli eventi che accadono. In questa prospettiva, è importante non mantenersi sempre completamente felici”.

Per offrire le migliori esperienze, utilizziamo tecnologie come i cookie per memorizzare e/o accedere alle informazioni del dispositivo. Il consenso a queste tecnologie ci consentirà di elaborare dati come il comportamento di navigazione o identificazioni univoche su questo sito. Il mancato consenso o la revoca del consenso può influire negativamente su determinate caratteristiche e funzioni.    Maggiori informazioni
Privacidad